Iniziative e gruppi di studio
Informazioni su iniziative, gruppi di studio e progetti di ricerca in tema di farmacovigilanza, in ambito nazionale e internazionale

SORVEGLIANZA DELLE REAZIONI AVVERSE A PRODOTTI A BASE DI PIANTE OFFICINALI

I prodotti genericamente identificati come "prodotti erboristici", "fitoterapici" o più genericamente "prodotti a base di erbe officinali" contengono piante medicinali, loro derivati e costituenti chimici dotati di attività biologica.
In particolare, possono presentare una loro specifica attività farmaco-tossicologica e interagire con farmaci di sintesi potenziandone o riducendone gli effetti previsti. Numerose sono le segnalazioni riportate in letteratura scientifica in tal senso.
Tuttavia, a livello di opinione pubblica e, talvolta, anche tra gli operatori del settore, è diffusa l'opinione che le erbe medicinali siano sostanzialmente innocue, e, pertanto, vengono abitualmente utilizzate come forma di automedicazione, spesso senza informare il medico curante. Questo aumenta i rischi di possibili interazioni con farmaci di sintesi, reazioni allergiche, ecc.
Controindicazioni specifiche possono essere rappresentate da malattie organiche, pregresse o in atto (per es. ulcera peptica, ipertensione, insufficienza renale o epatica) o interventi chirurgici (gastroresezione, ecc.) che possono, modificando la farmacocinetica delle sostanze stesse, aumentare i rischi di effetti collaterali.
In ultimo non certo per importanza, da sottolineare il frequente ricorso a "rimedi naturali" in corso di gravidanza e allattamento proprio allo scopo di evitare farmaci di sintesi.
Anche quando tali prodotti vengono utilizzati con le modalità più opportune, possono comunque verificarsi una serie di reazioni non desiderate, in relazione alla qualità del prodotto utilizzato (residui di fitofarmaci, metalli pesanti, purezza degli estratti, variabilità dei principi attivi, ecc.).
Nell'ambito del progetto nazionale sulle "Terapie non Convenzionali" coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità è stato attivato uno studio pilota sulla sorveglianza delle reazioni avverse da prodotti a base di erbe officinali. Le segnalazioni saranno effettuate, tramite una scheda messa a punto appositamente per lo studio, da chiunque osservi una reazione avversa da tali prodotti e inviate via fax al Laboratorio di Epidemiologia e Biostatistica dell'Istituto Superiore di Sanità.
La scheda è scaricabile in formato PDF dal sito www.epicentro.iss.it.
Le reazioni avverse verranno, quindi, valutate da un gruppo di esperti, composto da farmacologi, fitoterapeuti e farmacoepidemiologi del Dipartimento di Farmacologia delle Sostanze Naturali e Fisiologia Generale dell'Università "La Sapienza" di Roma, del Servizio di Fitoterapia dell'Ospedale S. Giuseppe della ASL 11 di Empoli, del COE (Centro Orientamento Educativo) di Barzio, del Reparto di Farmacoepidemiologia dell'Istituto Superiore di Sanità di Roma e dell'Ufficio di Farmacovigilanza del Ministero della Salute.


Iniziative e gruppi di studio